• Per ragioni di nonna-sitting mi son sparato 3 ore di televisione, Eurovision… che inquietudine di fronte a tutti sti cantanti sorridenti che esprimono positività (e cura ossessiva dell'apparenza, dall'abito agli effetti speciali)… ma dove sono finiti gli sfattoni che ragliano nel microfono i loro turbamenti? Stiamo così bene che non ci sono più turbamenti a cui dare rappresentazione artistica? O stiamo così male che cerchiamo solo sorrisi non essendo più in grado di tollerare l'espressione artistica del malessere?

    • Bolognesi e bolognese, non perdetevi “Pratello nel cuore”, un bellissimo spettacolo che racconta come si viveva nella più famosa via di Bologna negli anni Trenta. Regia di Patrizia Carpinteri. Mettendosi in caccia di libri di storia e di racconti di nonni e bisnonni, la Compagnia Teatrale Le Nuvole ha costruito un prezioso spaccato di quel che eravamo. C'è il dialetto, ci sono le canzoni, ci sono bravi attori, c'è la sempre sorprendente ricchezza dei modi di dire bolognesi, ci sono le vicissitudini di un'umanità in perpetuo affanno che, allora come oggi, nonostante la violenta precarietà della vita e nonostante gli orrori del potere, si rivela miracolosamente capace di vivere e di ridere.

    • L'emozione di stare con una donna che con due etti e mezzo di mortadella la fai completamente felice #nonnasitter

    • photo from Tumblr

      #labuonascuola

    • Di fronte all'ingestibile esplosione demografica nel Terzo Mondo, dice Rifkin, è ridicolo fare prediche o distribuire preservativi: BISOGNA DARE A TUTTI L'ENERGIA ELETTRICA. In condizioni di miseria estrema i figli sono l'unica possibile risorsa. Era così anche in Occidente prima dell'elettricità. A TUTTOGGI IL 40% DEGLI ESSERI UMANI NON HA ACCESSO ALL'ENERGIA ELETTRICA #RifkinForPresident

 
 

 
 


 
 




 

 
  • Se vuoi ti scrivo una volta al mese

    Powered by MailChimp