Perché nutrire il mostro?

Ma se la nostra mente inquieta e sovraccarica è il mostro che ci condanna all’infelicità, perché nutrire il mostro leggendo in continuazione? La lettura è davvero sempre evoluzione e liberazione come vorrebbe la retorica del perbenismo etico?