Cazzone

In provincia di Varese c’era un paese che si chiamava Cazzone. Il nome pare derivasse da cazzun, mestolo: il suo territorio è infatti contenuto in una piccola valle, come fosse su un cucchiaio.

Quando alla fine del 1800 in paese fu collocata una caserma della Guardia di Finanza, quel nome cominciò a diventare un filino imbarazzante: i militari ricevevano lettere dai parenti con intestazioni tipo “Gennaro Cacace, Cazzone“. 

Il disagio fu tale che molti chiesero il trasferimento. E lo ottennero: finirono a Figazzo, in provincia di Como.

Dopo innumerevoli lettere di protesta dei militari, il governo intervenne: Cazzone fu ribattezzato Cantello. E Figazzo divenne Lieto Colle.

Ma tenetevi forte perché il meglio deve ancora arrivare: alcuni abitanti irriducibili di Cazzone formarono un Comitato cittadino che chiedeva di tornare al nome originale. Il loro motto era “Cazzoni siamo e cazzoni resteremo”.