Posts for Tag : Alberto Andreoli Barbi

The Great Song of Intolerance

10177900_1015090085198185_4560458173228814926_n
 
Per lei, già alla fine della prima serata insieme, avrei assediato Troia per 10 anni. Dunque? Che fare? Organizzare una cena con un sacco di gente per far colpo su di Lei senza svelarsi con un invito diretto?
 
Roba d’altri tempi. E uno è vegetariano… e l’altro vuole evitare il glutine… e un altro ancora è intollerante al lattosio… forse conviene l’invito diretto, sembra suggerire “The Great Song of Intolerance”, racconto in cui Alberto Andreoli Barbi, con una scrittura veloce e leggera, libera da scivoloni nel banale e impreziosita da guizzi di creatività linguistica, tesse la trama della lunghissima lista delle paranoie contemporanee sul cibo.
 
Perché siamo diventati così complicati col cibo? Potrebbe l’abbondanza averci reso così sazi da dover creare delle difficoltà per rendere più appagante la ricerca del cibo? O più semplicemente, la nostra dieta risente del fatto che non abbiamo mai patito la fame?
 
Nonostante i preparativi per questa cena “di scopo” comincino una settimana prima, ogni giorno si manifestano ostacoli nuovi e apparentemente insormontabili
 
Inutile la consulenza chiesta a Margherita, la Ex, che gli amici chiamavano “la donna uccello”, perché a colazione ruminava bacche di goji e miglio: Nel frattempo mi parlava di quinoa. Qui dove? Non so per quale esotica associazione di idee mi esca la parola ananas e Margherita si incattivisca: “Chilometri zero!”, sento che mi urla, “Chilometri zero!”. Grazie a Bio cade la linea.
 
Memorabile l’opinione in forma di sbrocco della signora ucraina che fa le pulizie in casa sua: Tu vuoi fare cena per tuoi amici? Patate. Sì, patate. Per anni io mangiato patate. Tuoi amici possono una sera, no?
 
Assoluto riserbo sull’epilogo.
 
È pubblicato nell’antologia di racconti “Serial Kitchen”, a cura di Gianluca Morozzi, Cicogna Editore, 2014, pp. 199.