Posts for Tag : Alimentazione naturale

La differenza tra una mela e un filetto alla Voronoff

Almeno mezz’ora al giorno

donna-stesa-al-sole

È stato calcolato che ogni vivente dovrebbe stare nudo al sole per almeno mezz’ora al giorno, non tanto per la tintarella quanto per l’assorbimento di energia e di vitamina D per il sistema osseo.

(Valdo Vaccaro, nel libro “Alimentazione naturale”. L’immagine è un quadro di Fernando Botero)

Le 439 pagine di “Alimentazione naturale” di Valdo Vaccaro riassunte in 61 parole

Tutte le tue abitudini alimentari sono sbagliate, per il fatto stesso che sono ABITUDINI: alcune sono legate a tradizioni che hai interiorizzato inconsapevolmente, altre le hai create tu seguendo i tuoi gusti, NESSUNA ha fondamento scientifico. La domanda (fondamentale) che non ti sei mai fatto è: come dovrei mangiare per garantire alle mie cellule tutto il nutrimento di cui hanno bisogno?

«Ma non lo sapete che libidine è per il palato azzannare un peperone crudo? Ma come siete messi?»

peperone

Il fatto che siamo abitudinari non è necessariamente negativo, lo si può sfruttare, per acquisire delle buone abitudini, per esempio, pochi mesi fa, quando il libro “Alimentazione naturale” di Valdo Vaccaro mi ha persuaso del fatto che mangiare soprattutto cose crude è fondamentale, per la salute, ho cominciato a fare esperimenti, tipo mangiare foglie di cicoria così, come natura le ha fatte, ma la mia mente si ribellava, dovevo sforzarmi, mi sembrava una punizione, poi, nel giro di poco tempo, la situazione si è ribaltata, adesso, quando sono costretto a mangiar fuori casa, mentre scorro il menu, è il mio corpo che si ribella, «Ma porca troia!», dice il mio corpo, «Possibile che l’unica cosa che offrite cruda è l’insalata verde? Ma non lo sapete che libidine è per il palato azzannare un peperone crudo? Ma come siete messi?».

Pagina 94, pagina 95 e pagina 96

Del libro “Alimentazione naturale”, di Valdo Vaccaro.

Riportano il racconto dettagliato di quello che succede a un vitello o a un maiale dentro a un macello.

Sta cosa che a volte si sente dire, che adesso usano una pistola per stordirli, e quindi l’animale non ne sente, di dolore, è una stronzata, dicono Marina Berati e Massimo Tettamanti, i due coraggiosi che si sono avventurati dentro a un macello, per vedere cosa realmente succede.

Lo stordimento spesso non funziona (con i maiali), e, in ogni caso, non è mai completo: L’ANIMALE, FINO A UN CERTO PUNTO, VEDE E SENTE TUTTO QUELLO CHE GLI FANNO.

Nel caso decidessi di affrontarle, pagina 94, pagina 95 e pagina 96, procurati del prosciutto di ottima qualità e magnatelo prima di leggere, perché, molto probabilmente, saranno le ultime fette.