Posts for Tag : disoccupazione

22 milioni di persone

Grazie all’innovazione tecnologica, tra il 1995 e il 2002, a livello globale, la produzione è aumentata del 30%, ma 22 milioni di persone hanno perso il lavoro. Lo vogliamo capire che se il PIL aumenta o no è una questione che non ci riguarda? Lo vogliamo capire che i governi si devono occupare non dell’economia ma delle persone? Lo vogliamo capire che il futuro di un popolo non dipende dalla sua crescita economica ma dalla caparbietà con cui lotta per trasformare lo Stato rendendolo sovrano e democratico, ovvero in grado di rendere effettivi i diritti?

47

Il 47 per cento dei lavori che conosciamo scomparirà nei prossimi due decenni: http://bit.ly/1tDvbAP

Purtroppo non abbiamo al governo un bambino di 5 anni

serge-latouche

Milioni di lavoratori lavorano sempre di più, troppo, impazziscono, si stressano, si suicidano, e altri milioni di persone invece non lavorano affatto. La parola sacra nella Unione Europea è “produttività”, perché la nostra produttività è troppo bassa di fronte alla concorrenza cinese. “Dobbiamo congelare la concorrenza cinese” direbbe un bambino di 5 anni. Purtroppo non abbiamo al governo un bambino di 5 anni. Userò una parola che fa scandalo sempre in Italia, ma che dobbiamo usare perché siamo in crisi, la parola è: “protezionismo”.

Serge Latouche

E così vorresti un lavoro?

Un’azienda giapponese ha realizzato un robot-contadino, capace di raccogliere soltanto la frutta matura, mettendoci la metà del tempo di un umano. Sarà commercializzato nel 2014, a 38.000 euro: clic.

L’automazione sta per rendere impossibile il capitalismo: sempre più macchine, sempre più disoccupati, sempre meno consumatori, sempre meno business.

Non c’è futuro per il sistema “ho un lavoro-guadagno-coi soldi compro ciò che mi serve per soddisfare i miei bisogni”. Il futuro è “appartengo a una comunità che, essendo fondata sull’intelligenza (anziché sul business), prospera grazie a un sistema produttivo che mobilita tutte le risorse disponibili con l’unico fine di soddisfare al meglio i bisogni di ciascuno”.

Cioè il futuro è il socialismo? Veramente io ho scritto “comunità”, non “Stato”.