Posts for Tag : Gianroberto Casaleggio

La più bella vittoria del dopoguerra

Quel meraviglioso 25% del febbraio 2013 è stata la più bella vittoria politica nell’Italia del dopoguerra. Ha fatto cagare sotto la Casta Criminale che da più di mezzo secolo controllava tutto indisturbata. E ha fatto rinascere nella gente la speranza di un cambiamento. Per il tuo contributo determinante a quella strepitosa vittoria ti ricorderò per sempre con immenso affetto.
 
Senzanome

Velluto travolto da un violento attacco di misantropia di fronte al persistere dell’illusione che gestione democratica sia sinonimo di democrazia

Ciò che rende democratica un’istituzione, più che il diritto di ciascuno di partecipare ai processi decisionali che ne stabiliscono le regole, è la visione ispirandosi alla quale quella istituzione è stata concepita e creata.

Esempio: un ipotetico canale televisivo pubblico gestito da tutti i cittadini riuniti in assemblea permanente sarebbe meno democratico di youtube, perché la televisione è un’istituzione strutturalmente anti-democratica: da un lato ci sono pochi che parlano, dall’altro ci sono tutti gli altri che possono solo ascoltare.

Se un’istituzione è strutturalmente anti-democratica, è stupido pensare che per renderla democratica sia sufficiente renderne democratica la gestione.

Youtube sarebbe un’istituzione più democratica di qualsiasi televisione anche se a decidere le regole di youtube fosse una sola persona, perché youtube è un’istituzione strutturalmente democratica: chiunque può parlare, senza censure preventive, avendo come unico limite il rispetto di alcune regole.

Un campo di concentramento non sarebbe democratico neanche se tutte le decisioni fossero prese all’unanimità. Cazzo.

La mia esigenza primaria non è passare tutta la mia vita tra un’assemblea e un’altra per poter partecipare a tutte le decisioni che danno forma alla società in cui vivo. La mia esigenza primaria è essere circondato da istituzioni strutturalmente democratiche, cioè concepite per soddisfare i bisogni miei e di tutti i miei simili. Cazzo.

(ogni riferimento alle polemiche di questi giorni su Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, Gianroberto Casaleggio e Giovanni Favia è puramente casuale)